Lega: guerra al velo

ROMA - Il 2 ottobre la Lega Nord ha dichiarato guerra al velo delle donne islamiche, depositando un testo di legge a modifica della legge 1975 in materia di ordine pubblico che prevede il divieto "senza giustificato motivo" dell'uso di indumenti che impediscono il riconoscimento della persona. Arresto in flagranza, carcere sino a 2 anni e multa sino a 2mila euro per coloro che, "in ragione della propria affiliazione religiosa" indossino in pubblico capi di abbigliamento o altro, in grado di rendere "impossibile o difficoltoso il riconoscimento" della persona. No a burqua e niquab, in sostanza, indumenti che nascondono il volto della donna.

  • Visite: 4147
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender