Ancora tagli ai fondi per le Pari Opportunità?

ROMA - Nella sua attuale formulazione la legge finanziaria prevede una pesante decurtazione dei fondi destinati alle pari opportunità, con un taglio dell'80%. Secondo quanto stabilito nel disegno di legge,il finanziamento passa da 29 milioni di euro, a 4 milioni di euro. Il 24 Novembre è stata presentata una interrogazione sulla riduzione degli stanziamenti previsti per il dipartimento per le pari opportunità al "Ministro" Mara Carfagna.

MOSCA, FRANCESCHINI, DAMIANO, QUARTIANI, GIACHETTI, AMICI, DE MICHELI, GARAVINI e LETTA, hanno firmato l'interrogazione sulla riduzione degli stanziamenti previsti per il dipartimento per le pari opportunità al Ministro Mara Carfagna.Dalla lettura del resoconto traspare la malcelata insofferenza di un governo abituato a fare largo uso di quella che in altri settori verrebbe definita "pubblicità ingannevole".


 

 

 

Premesso che:

(1) numerose sono le competenze in capo al Ministro interrogato, tra le quali il contrasto alla violenza sulle donne, la lotta all'omofobia, la tutela della maternità, il pari trattamento tra uomini e donne sui luoghi di lavoro, solo per citare le principali;

(2) a fronte di tante competenze si può notare una gravissima decurtazione delle risorse da 29,91 a 4,31 milioni di euro dal bilancio del dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, tale da mettere obiettivamente in discussione la stessa funzione del dipartimento e del Ministro interrogato;
(3) relativamente alle funzioni del Ministro interrogato, il piano per gli asili nido - per il quale il Governo Prodi aveva stanziato 152 milioni di euro - è stato adesso ridotto a 7 milioni e 200 mila euro;

(4) a favore del numero verde per lo stalking è previsto solo un milione di euro, mentre per la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro delle donne sono state promesse dal Ministro interrogato risorse per 40 milioni di euro, che, a quanto consta agli interroganti, ad oggi non esistono:

quali iniziative intenda si intende adottare al fine di realizzare gli impegni assunti, a fronte di una forte riduzione degli stanziamenti previsti in capo al dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei ministri?

Qui il resoconto stenografico.

 

  • Visite: 5405
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri