Sono 600 e stanno tutti in bocca!

Inizia dalla bocca un progetto di ricercà che continuerà per altri tre anni ad esplorare i microcosmi del nostro corpo. Realizzato da ricercatori del Forsyth Institute di Boston e del Kings College di Londra, il database, 'Human Oral Microbiome', ha iniziato scandagliando il microcosmo che portiamo in bocca. I microbi censiti finora, presenti nel cavo orale sono oltre 600 e ognuno/a di noi ne porta con se una 'rappresentanza' di circa un terzo . dati accessibili al sito www.homd.org. La bocca è lo specchio della salute del nostro corpo, 'spiare' cosa c'é al suo interno è come puntare una lente di ingrandimento su di noi e sul nostro stato di salute. Lo spionaggio proseguirà "investigando" i microcosmi di pelle, intestino e vagina.

Nella bocca, come sulle altre mucose, vivono in simbiosi con noi numerosi microrganismi batterici. Alcuni sono fisiologici, cioé fanno del nostro corpo la loro casa 'pagando un regolare affitto', ovvero dandoci in cambio un contributo per il corretto funzionamento dell'organismo; per esempio nell'intestino molti batteri ci aiutano a digerire. Altri invece hanno 'occupato abusivamente' le mucose e la loro presenza fa solo danni. Gli esperti hanno messo a punto una banca dati con la descrizione completa dei batteri presenti nella bocca umana, molti rappresentano la normale flora batterica, alcuni sono invece campanello d'allarme di malattie non solo orali, ma di tutto l'organismo, ha spiegato Floyd Dewhirst, tra coloro che conducono i lavori. Il database contiene moltissime informazioni: oltre alla descrizione completa dei batteri 'censiti' nel cavo orale, il loro metabolismo, la loro abilità a causare malattie, informazioni genetiche e anche la mappa del loro DNA, qualora il genoma sia già stato sequenziato. Gli esperti al momento stanno analizzando i possibili legami tra un certo 'microcosmo' orale e malattie quali infarto e ictus.

(fonte Ansa)

  • Visite: 12401
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri