"Libero" scatenato contro le donne

ROMA - Siamo a pochi giorni dai risultati elettorali, il nuovo governo ancora non è formato nè insediato, e già dal centro-destra partono attacchi alle donne: dalle pagine di Libero, l’insinuazione che la presenza femminile nell'ambito della sfera pubblica sia il prodotto sciocco della “moda” e dell'indulgere nell'idea delle quote rosa. Come nella peggiore tradizione “azzurra”, ed in un’atmosfera di dileggio cara a questo tipo di potere, tornano a cantare certi "galli" al grido di: Troppe Donne” attenzione!!! Si mettono così in dubbio risultati, numeri e presenze che al maschile nessuno si sognerebbe mai di andare a calcolare. Siamo forse di fronte ad una "campagna" di disinformazione a mezzo stampa contro le donne? La domanda sorge spontanea, ma il dubbio viene a cadere quando -a ben guardare- si scopre trattarsi di un'operazione strumentale, che ignora completamente le conclusioni sul punto, di analisi più attendibili e qualificate. Per non parlare delle conclusioni del Capo dello stato Napolitano che, in occasione dell’8 marzo di quest’anno, ebbe a sottolineare come...

“forti squilibri tra uomini e donne permangono rispetto non solo all’occupazione, ma al reddito e alla carriera, e il distacco diventa più evidente a mano a mano che si passa a posizioni e incarichi di maggior rilievo. E’ vero che nel campo produttivo in questi ultimi anni, fortunatamente, le distanze si sono accorciate, ma siamo ancora molto lontani da un traguardo di parità, e in tutti i campi. […] La scarsa valorizzazione delle energie e competenze femminili rappresenta non solo un’ingiustizia, ma un fattore di fatale debolezza del processo di crescita economica e sociale.” A Feltri ed alla sua redazione, la mia saggia nonna novantaduenne avrebbe detto: “…figliuoli, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire!”. Come non c’è peggior viltà di chi, pur conoscendo il vero, agisce in maniera scorretta e strumentale. Senza riuscire neanche, nonostante i toni da cabaret, a farci fare due risate.

  • Visite: 13645
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri