Non chiamiamole "morti bianche"

ROMA – Alle liste dei morti sul lavoro, ogni giorno in Italia, si aggiungono nuovi nomi. E così, alla redazione di Articolo21, sono giunte molte lettere: delegati alla sicurezza, giornalisti, e soprattutto donne che hanno perso i propri cari, invitano a rivolgere un appello al mondo dei media: non usare più l’espressione “morti bianche”, termine che offende parenti, e la memoria stessa dei lavoratori che hanno perso la vita. Morti "violente", non "tragiche fatalità come qualcuno le dipinge". Morti "sporche, sporchissime"…

  • Visite: 5279
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri