Violenza: proteggere i disabili con nuove regole web

ROMA - Nella rete spopolano tra giovani e giovanissimi, sempre più numerosi, i video che riprendono scherni, abusi e violenze su coetanei con disabilità. Adesso è possibile, attraverso un sito web dedicato, lasciare una firma per chiedere alle istituzioni di arginare e fermare il fenomeno del cyber-bullismo. In particolare per chiedere "agli organi competenti, ovvero ai ministri delle Telecomunicazioni, della Salute, della Giustizia e della pubblica Istruzione un intervento urgente che regolamenti in maniera chiara il modus operandi dei siti Internet che offrono servizi che consentono ai propri utenti di pubblicare materiale video".

L'appello si rivolge dunque anche ai principali motori di ricerca video - da LiberoVideo a You Tube - che ancora non hanno rimosso, dopo casi eclatanti riportati anche dalla stampa nazionale - video diffamatori della condizione di disabilità e troppe volte presenti nelle categorie "video divertenti", così come denunciato dalle associazioni.

"Riteniamo - si legge nell'appello - che filmati di questo genere, oltre ad essere lesivi della dignità del diversamente abile, aprano la strada a pericolosi fenomeni di emulazione da parte di soggetti influenzabili e in cerca di facile notorietà. Pertanto chiediamo che venga introdotta una normativa che obblighi i fornitori dei servizi suddetti a visionare integralmente i filmati ricevuti, prima della pubblicazione, e che li renda responsabili a livello penale nella stessa misura in cui lo sono gli autori dei filmati di cui sia stata approvata la pubblicazione".

Le associazioni hanno promosso una campagna video sul fenomeno proprio su YouTube e si appellano al mondo della rete anche per chiedere di segnalare nuovi e diffamatori video sulla condizione dei giovani e dei bambini con disabilità. Per richiedere i filmati in questione e segnalare abusi video sulla rete, scrivere all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Visite: 4856
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender