AFGHANISTAN Difendere i diritti umani

BRUXELLES - La Confederazione Sindacale Internazionale (CSI) intervenendo sull'Afghanistan prende posizione: la comunità internazionale deve agire per difendere i diritti umani. Facendo seguito all'appello di Antonio Guterres, Segretario Generale ONU, che invitava a utilizzare "tutti gli strumenti possibili" per porre fine alle atrocità in Afghanistan, violazioni di cui le donne e le giovani sono già pesantemente vittime, la Segretaria Generale della CSI, Sharan Burrow ha dichiarato: «E' più che urgente che la comunità internazionale prenda le misure necessarie per impedire nuove violazioni dei diritti umani. I Paesi devono essere pronti ad assumersi le proprie responsabilità, applicando il Diritto internazionale, al fine di poter accogliere e proteggere i rifugiati. Noi faremo tutto ciò che è in nostro potere per la sicurezza dei nostri colleghi del movimento sindacale afghano».

Oltre alle ricadute su tutta la popolazione la CSI teme una ulteriore destabilizzazione della regione e un forte rialzo del traffico di stupefacenti nel mondo legato al commercio dell'oppio (principale fonte di finanziamento per i talebani).

[Immagine di Shamsia Hassani, street artist afghana]

  • Visite: 51
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender