Susan Galloway , Linda Stephens e i diritti violati

Susan e Linda la prima di religione ebraica, la seconda atea, ritengono che quella canzone ,e la benedizione, nelle aule pubbliche, violi un principio della Costituzione Americana, la separazione tra stato e chiesa, che vieta , ad ogni organismo legislativo, di fare norme che privilegino o stabiliscano culti.

Il primo emendamento della Costituzione americana proibisce la creazione di una religione di stato ed il principio della separazione fra stato e chiesa è stato di norma rispettato.
La questione è ora all’attenzione della Corte Suprema, tre donne e sei uomini, chiamati a considerare e giudicare quello che è ormai diventato abitudine e consuetudine quasi ovunque. Riusciranno a difendere i diritti di quella minoranza di donne e uomini, atei, buddisti, seguaci di altre religioni, cittadine e cittadini americani che nelle aule scolastiche, sui campi da baseball, nelle aule comunali si trovano a restare seduti imbarazzati e a bocca chiusa all’inizio del canto patriottico-religioso? La questione, riveste un certo interesse per tutti quei paesi che nelle rispettive costituzioni affermano eguali principi ma nei fatti li disattendono. In Italia ha riaperto il dibattito sull’insegnamento della religione nelle scuole, sulle condizioni nelle quali si trovano gli studenti di altre religioni che non intendono partecipare all’insegnamento della religione cattolica. Non si vedono però all’orizzonte iniziative di impatto pubblico
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender