Riforma elettorale- La parola alle donne

C’è poca attenzione da parte di tutti i leader ai temi della rappresentanza paritaria, e più in generale ai temi che riguardano le questioni di genere hanno sostenuto in vari interventi le parlamentari. Malgrado sia da più parti rilevata l’importanza e l’incidenza positiva che le donne hanno per il buon governo della cosa pubblica , questo principio ha sempre bisogno di essere ricordato e sostenuto.

Bisognerà attendere la presentazione di un testo definitivo - scritto - per capire meglio quel che c’è di buono o ciò che bisogna modificare nella proposta avanzata dal segretario del PD. In ogni sistema elettorale quale che sia il modello prescelto deve essere presente il principio di parità e non discriminazione. E stato inoltre ricordato come sia necessario intervenire sulla legge elettorale per l’ elezione del parlamento Europeo che, dopo la norma transitoria valida per le ultime due tornate elettorali, in assenza di regolamentazione e senza l’obbligo di liste di cui almeno un terzo sia composto da persone dell’altro sesso, potrebbe vedere la presentazione liste a “sesso unico”.

Dalle presenti si è sottolineata l’attenzione da porre oltre che sulle norme antidiscriminatorie anche su aspetti di etica politica che non dovrebbero più mancare : quali il divieto di pluricandidature , norme chiare sulla incompatibilità tra diversi incarichi amministrativi, incandidabilità di chi ha in corso procedimenti giudiziari per aver distolto denaro pubblico.
L a presenza di Marisa Rodano che oggi compiva 92 anni è stata l’occasione per un lungo affettuoso applauso.
 
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender