spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Novembre 2019 Dicembre 2019 Gennaio 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1
Settimana 49 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 50 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 51 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 52 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 1 30 31
 


AFFI


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
FESTE: proteggere la tavola dal falso Made in Italy
FOOD & WINE - Sicurezza alimentare
Scritto da Eva Panitteri   

 

ImageSAPORI - Natale si avvicina ed è questo il periodo dell’anno in cui maggiormente aumenta la possibilità d’incappare in frodi alimentari predisposte ad arte. Offerte speciali e prezzi tanto bassi da sembrare occasioni imperdibili dovrebbero far suonare fortissimo i campanelli d’allarme! I dati* parlano chiaro: esistono consumatori e consumatrici propensi a spendere qualcosa in più per garantirsi prodotti di maggior qualità; ed è così che le mafie della sofisticazione alimentare, fiutato l’affare, nel 2018 hanno fatto registrare un balzo in avanti del 12,4% di queste attività.

Nel settore vitivinicolo dove s’intercetta la maggior parte di questa clientela più esigente e danarosa, solo nel 2017 sono state sequestrate 150mila bottiglie falsamente etichettate DOC e/o IGT. Tra le truffe più clamorose sventate dai NAS nel 2018, quella del Prosecco spacciato per “product of Italy” ma ottenuto da uve bulgare e quella del saccarosio acquistato per una sofisticazione della lavorazione enologica. Non stupisca l’aggressione delle mafie del falso ai prodotti del Made in Italy eno-agroalimentare: secondo il 31° Rapporto Italia di Eurispes il vino è percepito tra i «beni di consumo complessi e multidimensionali che all’alimentazione associano aspetti edonistici e culturali, elementi di connotazione socio-culturale ed occasioni di conoscenza e di status sociale». Bersaglio perfetto per facili guadagni da proventi illeciti di sofisticazioni e falsificazioni.

 

Leggi tutto...
 
Algoritmi e Pregiudizi???
Linguaggi e media - FOCUS ON
Scritto da Irene Giacobbe   

ImageALGORITMI. Chi li studia? Chi li analizza? Chi li realizza? E' una domanda alla quale la maggior parte di chi ascolta non saprebbe rispondere. L'intelligenza artificiale ci appare come un dono misterioso, capace di facilitare e dare ordine a molte incombenze. Ma chi è, CHI sono le persone, gli Umani, che hanno inserito nella "macchina intelligente" i dati necessari alla funzionalità dell'algoritmo? Sono Uomini? Sono Donne? Se in un gruppo di lavoro sono presenti persone condizionate da Pregiudizi o stereotipi quali rischi si corrono? Potremmo avere algoritmi che ripropongono nella scelta gli stessi stereotipi e pregiudizi degli umani che hanno inserito i dati... Uno scenario che dovrebbe far risuonare molti campanelli d'allarme quello adombrato nel corso della bella iniziativa per i 10 anni del GIO (Gender Interuniversitary Observatoriy) che si è tenutA a Roma nellA Sala della Protomoteca in Campidoglio giovedì 14 novembre. E' stata la professoressa Tiziana Catarci

Leggi tutto...
 
BIBENDA day la Festa dei 5 Grappoli
FOOD & WINE - Cultura del Vino
Scritto da Eva Panitteri   

ImageWINE - A Roma Sabato 30 Novembre, il BIBENDA day è la Festa dei 5 Grappoli, gli Oscar del Vino 2019 che premiano le donne e gli uomini che “hanno fatto grande il nome del Vino Italiano nel mondo”. Nell’elegante cornice del Salone dei Cavalieri dell’Hotel Hilton, l’esibizione della banda musicale della Marina Militare darà inizio alla sfilata dei numeri dell’eccellenza di questa serata di gala che vede la premiazione dei 10 Migliori Vini della guida BIBENDA 2020*. Per restare in tema di numeri, questa sarà anche l’occasione per presentare il Francobollo Celebrativo dei 20 anni di BIBENDA, con 74mila emissioni commemorative. Per la cena (a cura dello Chef Gianfranco Vissani) è stato scelto un menù tradizionale per favorire il maggior numero di abbinamenti coi vini. Gli altri numeri della serata prevedono: 700 persone di servizio per accogliere i ben 1155 invitati; 1890 rose bianche e 1260 lucine per rallegrare ed accendere l’atmosfera in sala; per la gioia del palato e dei sensi si apriranno 105 bottiglie di Olio EVO e si stapperanno 8496 vini, per un valore complessivo (solo i vini!) di 300mila euro. E poi ancora: 3100 bottiglie d'acqua, 441mila cubetti di ghiaccio per i secchielli, 13860 posate (Brogi), 4620 bicchieri, 247 brani musicali e, per finire, 1155 fette di panettone per gli auguri di Buon Natale. L’acqua è Nepi, il pane è di Genzano, il caffè è Illy, il cioccolato è Domori, l’olio EVO è il Fruttato intenso di Coratina del Frantoio Muraglia. Ogni partecipante (i biglietti del costo di 200€/persona sono stati esauriti in un fiat!) riceverà in omaggio una copia della guida ed il menù storico dei vini premiati. Un appuntamento per fare e per “diventare” la differenza.

*La Guida Bibenda 2020 è cartacea ed online. Quest’ultima presenterà il racconto di oltre 27mila vini, oli e grappe, insieme ad indicazioni sulla grande ristorazione italiana; un’informazione analitica e puntuale per appassionati ed appassionate di turismo enogastronomico con in più l’ausilio di un tool di geolocalizzazione che permetterà di prenotare in un clik le proprie visite alle aziende selezionate.

 

 
Xenia, il vino dell'accoglienza
FOOD & WINE - Cultura del Vino
Scritto da Eva Panitteri   

ImageVINO & SOCIALE - «Questa è una storia bella che più bella non si può. C’è un vino, prodotto da una cooperativa sociale dove lavorano insieme disabili e non, migranti e rifugiati, donne e uomini, teste e braccia che da più di quarant’anni fanno economia sostenibile dando dignità al lavoro con prodotti biologici di qualità. C’è un’etichetta, realizzata dagli studenti dell’Istituto europeo di design, che racconta l’intreccio tra due mani che si conoscono e si uniscono. Disegnano il senso del nome di quel vino: #Xenia, dal greco “ospitalità per lo straniero”. C’è un’idea, che è anche una possibilità. Quella di rispondere al linguaggio e alla propaganda dell’odio e dei muri con il sapore buono dell’incontro e dell’accoglienza. Per me una traccia di lavoro. Ieri [26/11/2019 ndr] con Agricoltura Capodarco Cooperativa Sociale, Next e ARSIAL abbiamo presentato il nuovo rosso uscito dalle cantine di Capodarco nell’elegante Enoteca Regionale Del Lazio di via Frattina. Abbiamo portato l’agricoltura sociale nel salotto di Roma, ed è stato un successo!» (Facebook @Marta Bonafoni)

Soggetti istituzionali e mondo del sociale tornano nei luoghi del vino a Roma dopo l’incontro "Cibo e agricoltura, terreni di integrazione" del 5 novembre @ Eataly, che li aveva visti incontrarsi per presentare “un’azione pilota per l’avvio di tirocini formativi in favore di beneficiari dello SPRAR” con stage lavorativi presso aziende agricole e della ristorazione. Vino e cibo diventano così, come sottolinea Capodarco “temi dell’accoglienza e della solidarietà verso e con chi vive in condizione di svantaggio” quando “si fondono con un’azione costante, orientata all’inclusione sociale ed all’integrazione lavorativa”.

 
Il 25 novembre della Casa delle Donne di Roma
Violenza di genere - 25 novembre
Scritto da Irene Giacobbe   

ImageIl 25 novembre della Casa Internazionale delle Donne di Roma è stato particolarmente denso di iniziative all’insegna del femminismo, della storia delle donne, delle lotte contro discriminazioni e violenza. Una giornata fitta di appuntamenti, densa di emozioni, conclusa con l’appuntamento speciale del 25 sera: le performance delle cantanti Fiorella Mannoia e Paola Turci. (foto)

Organizzato dal Dipartimento pari opportunità della presidenza del Consiglio, l’incontro è stato un momento carico di informazioni e nuove speranze, a cui hanno partecipato tra le altre, la Ministra Elena Bonetti (Pari Opportunità e Famiglia), Lella Palladino presidente di DIRE (Donne in Rete contro la Violenza) la giudice Paola de Nicola, il capo della Polizia Gabrielli, il presidente delle banche di credito cooperativo, la presidente dell’ UDI Vittoria Tola.

Leggi tutto...
 
In prima linea contro la violenza alle donne
Violenza di genere - 25 novembre
Scritto da Eva Panitteri   

ImageIl 25 Novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. “In Italia le donne vittime di violenza sono 88 al giorno, circa una ogni 15 minuti. Il 36% subisce maltrattamenti, il 27% stalking, il 9% violenza sessuale e il 16% percosse”. (Polizia di stato)

La società, la vita, il web sono pieni di condizionamenti negativi che offuscano e spostano la percezione di cosa sia fare, dire, agire, subire violenza. Power&Gender continua l'azione di sensibilizzazione proponendo spunti di riflessione con l'intento (e l’ambizione) di un sostegno alla prevenzione. Si possono raccontare centinaia di storie, ma la verità è che -alla fine- la violenza, che ha mille e più forme, si qualifica sempre da sola, e bisogna imparare a riconoscerla anche nelle pieghe nascoste del normale vivere quotidiano nelle quali si annida. Riconoscerla e contrastarla.

CULTURA: si bruciano libri a Modena come a Roma

PREVENZIONE: contributo delle Donne del Vino

FORBICE SALARIALE: impressionate per le donne Manager

TURISMO: volano di sviluppo delle donne

ALGORITMI: discriminano e penalizzano le donne

PRIVACY: non ditelo agli algoritmi!

 

 
Donne del Vino: convention internazionale a SIMEI
FOOD & WINE - Appuntamenti
Scritto da Eva Panitteri   

ImageWINE - SIMEI, il salone internazionale delle tecnologie per l'enologia e l'imbottigliamento inaugura la 28^ edizione dal 19 al 22 novembre alla Fiera Milano-Rho. Tra gli eventi da notare, giovedì 21 la prima Convention mondiale delle Donne del Vino con l'incontro “Donne e Vino: opportunità e sfide”. Un convegno ideato per “fare rete, scambiarsi conoscenze, misurare le competenze aumentando il bagaglio culturale, studiare i mercati e gli stili di consumo al femminile”. «L’idea è creare un network con le associazioni femminili del vino di tutto il mondo, dalla Francia agli Usa, dalla Grecia all’Argentina fino in Australia, per scambiare opportunità, canali di comunicazione per diffondere notizie sulle rispettive attività» afferma Paola Longo, vice presidente nazionale. Un’idea tutta italiana “per dare un contributo alla crescita del settore: un momento di confronto tra le donne del vino che in tutto il mondo lavorano per dare alla categoria più opportunità e dare al vino più vantaggi dalla presenza femminile.”

Tra le novità SIMEI propone l'apertura alle filiere produttive affini (liquid foods): olio, birre e spirits, che “con l’enologia condividono sempre di più processi, pratiche produttive, tecnologie, prodotti e accessori”. Per l’EVO focus su funzionalità dei contenitori ed importanza della qualità di etichetta, bottiglia e packaging. Per gli SPIRITS, confronto su tradizione produttiva e cultura del ‘saper fare’.

 

 
PREVENZIONE: contributo delle Donne del Vino
Violenza di genere - 25 novembre
Scritto da Surfing   

ImageLe Donne del Vino dell'Emilia-Romagna hanno ideato una maglietta ad hoc e sui social trasmettono il proprio impegno al contrasto alla violenza. Le donne del Vino della Sicilia hanno ideato il progetto “TU, non sei sola” che in collaborazione con l’Ufficio della Consigliera di Parità della Regione promuoverà dal 25 al 30 novembre eventi legati al tema della violenza di genere. Sui profili social delle associate:

#tunonseisola #ViolenzaDiGenere #UNwomen #GenderEquality #donne_vino_sicilia #donnedelvino #womeninwine

 
FORBICE SALARIALE: impressionate per le donne Manager
Violenza di genere - 25 novembre
Scritto da Eva Panitteri   

ImageAllarmanti disparità verso le donne emergono dal rapporto di Badenoch + Clark che realizza analisi differenziate per i settori del mercato retributivo italiano. Uno studio condotto in collaborazione con JobPricing che traccia “un’analisi approfondita dei principali ruoli organizzativi” rivela che le donne manager delle società quotate alla Borsa italiana guadagnano molto ma molto meno degli uomini negli stessi incarichi e posizioni, sino ad un delta del 70% (in meno!) per i “profili esecutivi”. «Il numero complessivo di donne nei Board aziendali, a giugno 2017 è pari al 33,6%”, cresciuto di circa 6 volte nell’ultimo decennio senza dubbio grazie alla legge n. 120 del 12 luglio 2011 per la promozione dell’equilibrio di genere negli organi sociali delle aziende quotate.» Ma un «minore accesso a posizioni di vertice si traduce automaticamente in minore opportunità di guadagno». I grafici della discriminazione salariale di questo studio sono impressionanti, al contempo allarmanti e disarmanti, in un paese che, come l’Italia, sancisce uguaglianza e pari opportunità tra uomini e donne sin dal 1948 con la Costituzione: Art. 37 - La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore.

 
TURISMO: volano di sviluppo delle donne
Violenza di genere - 25 novembre
Scritto da Eva Panitteri   

ImageLa seconda edizione del Rapporto che analizza il ruolo delle donne nel settore del turismo a livello internazionale, presentata di recente, evidenzia come la forte partecipazione e presenza femminile nel settore contribuiscano al progresso dell'uguaglianza di genere ed all'emancipazione delle donne in generale.

Il rapporto realizzato dall’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) in collaborazione con UN Women, The German Society for International Cooperation (GIZ), World Bank Group e Amadeus, esamina l’evoluzione del comparto rispetto alla precedente analisi del 2010 e fornisce una valutazione del contributo all'obiettivo 5 dello sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'emancipazione delle donne.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 30 di 1849
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB