BOLLICINE Sette vignaiole, uno champagne

BOLLICINE - Tra le proposte per i brindisi di queste feste rigorosamente sobrie, con doverosi momenti di riflessione in ricordo delle vittime della pandemia come anche col desiderio di gettare il cuore e lo sguardo oltre l’ostacolo, si fa notare Isos, uno champagne ideato dalle Fa’Bulleuses, sette produttrici francesi che hanno avuto l’intuizione di mettere insieme i propri vini in una cuvée che riunisce in una bottiglia i prodotti delle loro sette maison. Il contributo paritario di ciascuna (casa) produttrice alla realizzazione di questo champagne si dichiara in controetichetta: "Isos, che in greco significa eguale, rappresenta la grande avventura delle Fa'Bulleuses de Champagne".

Con il conferimento di cento litri di vino ciascuna, in rappresentanza delle rispettive aziende, come anche delle diverse zone vinicole - praticamente tutta la AOC della Champagne - l'uscita del 2020 di Isos rappresenta la prima uscita delle sette previste, di una produzione pensata e realizzata sotto il segno dell’arte vinicola al femminile, espressione di una tecnica che qui unisce due annate, la 2016 (43%) e la 2017 (57%)  e si presentata al pubblico dopo meno di due anni sui lieviti.

Isos è il risultato di una storia di «amicizia e rispetto reciproco» e della volontà di aggiungere un riconoscibile e forte «tocco di femminilità per portare creatività e sensibilità ai prestigiosi vini Champagne», per dirla con le loro parole. Una produzione di nicchia, risultato della fusione di diversi elementi champenois, per 644 bottiglie e 200 magnum che vogliono farsi portabandiera dei valori del lavoro e dei talenti delle vigneronnes riassunti dalle parole chiave della filosofia produttiva: bollicine che parlano di condivisione, passione, femminilità, eleganza, spontaneità ed epicureismo finanche. Le loro parole spiegano tutto perfettamente: «Come donna, porto nei miei vini una certa meticolosità e un'esigenza particolare. Per esercitare la professione di vignaiola devi saper essere creativa per realizzare ogni anno un prodotto diverso e unico. In questo senso siamo un po' artisti… Sviluppiamo qualcosa di concreto che dura nel tempo e su cui lasciamo la nostra impronta.» [Charlotte De Sousa]

Il progetto delle vignaiole Fa'Bulleuses nasce nel 2015 sull’onda dell’esigenza di far conoscere meglio le proprie maison e i loro Champagne. L’intuizione Isos arriva nel 2018. Partecipano a questo progetto (in ordine alfabetico): Laureen Baillette (Champagne Baillette-Prudhomme), Hélène Beaugrand (Champagne Beaugrand), Claire Blin (Champagne Mary-Sessille), Delphine Brulez (Champagne Louise Brison), Charlotte De Sousa (Champagne De Sousa), Mathilde Devarenne (Champagne Rochet-Bocart) e Sophie Moussie (Champagne Guy Méa).

Nella foto, da sinistra: Claire, Charlotte, Delphine, Laureen, Mathilde, Sophie, Hélène.

Fonte: Blog Alberto Lupetti

  • Visite: 141
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender