EMERGENZA CLIMA Cibo & Agricoltura

REPORT CLIMA - Cosa sta succedendo? Perché è importante? Cosa posso fare? Agricoltura in sofferenza. Pesticidi. Disastri ambientali... Gli effetti del cambiamento climatico, con i quali stiamo lentamente prendendo confidenza, sono prepotentemente visibili nelle città e nei campi. Siccità, alluvioni, ondate di calore, gelate fuori stagione, precipitazioni scarsissime o sovrabbondanti, grandinate estreme, perdita di biodiversità, spargimento di veleni, diminuzione dei raccolti sono argomenti che riempiono sia cronache sia i racconti di chi con la terra lavora.

Effetti che in prospettiva ci parlano di una debacle clamorosa anche se, a quanto afferma il Parlamento europeo, il settore agricolo dell’Unione Europea «è l’unico al mondo ad aver ridotto le emissioni di gas serra, con un calo del 20% rispetto ai livelli del 1990». Tuttavia, come poi dicono i dati relativi all’effetto serra, nel 2019 le sue emissioni sul totale pesano ancora per il 10%.

Oltre alla legge sul clima approvata il 24 giugno 2021, il Parlamento europeo sta lavorando dunque per realizzare entro l’anno 2050 un sistema alimentare più sostenibile, anche per proteggere la biodiversità e gli insetti impollinatori fondamentali per l'ambiente e la sicurezza alimentare.

(foto di Doralisa D'Urso per Power&Gender)

È questo il senso della strategia  “Farm to fork” ovvero “Dal produttore al consumatore” che il Parlamento Europeo ha promulgato approvando le raccomandazioni della Commissione europea ai Paesi membri per la produzione di alimenti più sani e sostenibili, la sicurezza alimentare e un reddito equo per chi vive di agricoltura.

Parliamo di un piano che mette insieme una raccolta di norme e suggerimenti che vanno da un focus sull’agricoltura biologica, alle nuove norme per il benessere degli animali, con ragionamenti sullo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, inviti al ripristino degli gli ecosistemi danneggiati e strategie per migliorare la salute degli habitat, oltre a numerose indicazioni rispetto ai temi di una sana alimentazione umana.

(Vigna in Veneto - Foto di Eva Panitteri)

La strategia include anche l’importante appello alla revisione delle leggi in materia di pesticidi, nonostante ad esempio, l’utilizzo dell’erbicida glifosato abbia visto nel tempo numerose proroghe da parte dell’UE. L’ultima valutazione dell’EFSA resa nota a luglio 2023 sull’impatto del glifosato su salute di esseri umani, animali e ambiente, incredibilmente «non ha identificato aree critiche di preoccupazione» quindi, la Commissione Europea ha proposto il RINNOVO dell'AUTORIZZAZIONE per i prossimi 10 anni (quella attualmente in vigore scadrà a metà dicembre), rimettendo le decisioni ai Paesi membri, i quali avranno tempo per esprimersi sino a fine ottobre 2023. [Il 16 dicembre 2023, Bruxelles proroga il libero utilizzo del glifosato sino al 2033. Con il placet del governo italiano - ndr]

Fortunatamente sono previsti obiettivi di riduzione vincolanti che gli Stati membri dovrebbero raggiungere nei piani strategici nazionali della PAC (politica agricola Comune). Sarebbero poi previsti fondi per 10 miliardi di euro da investire in Ricerca & Informazione.

Vedremo nei prossimi articoli della serie REPORT CLIMA di Power & Gender, come tutto ciò impatta su cibo, agricoltura, salute delle persone e più in generale su tutto quanto riguarda la produzione alimentare. Stay tuned!

#coveringclimatenow

This story is part of Covering Climate Now’s (CCNow) joint coverage network

[Ultimo aggiornamento febbraio 2024]

  • Visite: 165
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri