BANDI Quote di assunzioni al femminile

DONNE & PNRR - La realizzazione della parità di genere richiede impegno a tutti i livelli, dalle istituzioni alle imprese che usufruiranno dei fondi del Pnrr. Un Paese dove le donne faticano a trovare un’occupazione correttamente retribuita vedrà «meno crescita, meno ricchezza, più violenza». Aumentare «l’occupazione femminile stabile e di qualità è […] un volano di straordinaria forza per costruire una ripresa e una ripartenza solida, strutturale, in termini di Pil come di benessere diffuso. Per questo è stata fondamentale nei mesi scorsi l’azione del PD per ottenere l’inserimento nel Piano nazionale di ripresa e resilienza della cosiddetta “clausola di condizionalità” che prevede l’impegno a “condizionare l’esecuzione dei progetti all’assunzione di giovani e donne” per le imprese che parteciperanno ai progetti finanziati dal Pnrr e dai fondi del programma React-EU. […]

La nuova iniziativa lanciata dal ministro Orlando che propone di estendere questo meccanismo anche a tutti gli appalti pubblici riservando quote di assunzioni per giovani e donne in tutti i bandi pubblici è un ulteriore e necessario tassello di una strategia complessiva da attuare con decisione e determinazione. […]

Come tutti i dati e le stime riportano e confermano, il principale ostacolo al potenziale di sviluppo complessivo dell’Italia sta infatti nella percentuale troppo bassa di occupazione femminile e nei diversi divari di genere – di retribuzione e di carriera – che impediscono, condizionano, limitano la piena e paritaria partecipazione delle donne al mondo del lavoro. Un ostacolo per la crescita del Pil e insieme una violazione del principio fondamentale dell’uguaglianza sostanziale su cui è fondata la nostra Repubblica e che trova la sua massima espressione nell’articolo 3 della Costituzione. Puntare e raggiungere la piena occupazione attraverso un piano straordinario per il lavoro delle donne è condizione trasversale per centrare tutti gli obiettivi di transizioni digitale, ambientale e di inclusione sociale che, come sistema Paese, ci siamo assunti a tutti i livelli. Ed è appunto per questo che ho chiesto l’audizione del ministro Andrea Orlando in commissione Lavoro del Senato in modo da poter esporre e condividere nel merito un provvedimento che considero di grande valore e importanza e per cui anche molto urgente».

Estratto da Newsletter Valeria Fedeli 11 febbraio 2022

  • Visite: 83
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri