RISPETTO e GIUSTE PAROLE

LINGUAGGIO A MISURA DI DONNA - Anche se «per il giornalismo la strada è lunga, alcuni passi sono già stati fatti e soprattutto sulla strada del linguaggio corretto marciano affiancati donne e uomini, colleghe e colleghi, di buona volontà.» [Marina Cosi per GiULiA]. La violenza maschile contro le donne è una realtà che deve essere costantemente al centro dell’attenzione dei media: lo chiede la Convenzione di Istanbul, come mezzo per prevenire le violenze di genere e i femminicidi. E’ dunque necessario che «nel descrivere il fenomeno, si usi un linguaggio corretto, mettendo al bando categorie che non aiutano a comprenderne la giusta valenza: le donne non vengono uccise per “raptus”, “gelosia” o ”passione”, ma da uomini che non accettano la loro libertà e autodeterminazione». E che nelle cronache che non possono esimersi dal raccontare la violenza sulle donne, non si debbano leggere «più obbrobri come "baby squillo" e "boldrinate" e "prima la danno e poi frignano"».

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:8.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}

  • Visite: 1079
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Gestione semplificata ai sensi del'Art. 3bis, Legge 103/2012 Direttrice responsabile: Eva Panitteri