CULTURA Riaprono i musei dell'enoturismo

CULTURA - Dopo mesi di chiusura, con il ritorno dell'Italia quasi totalmente in zona gialla riaprono anche i musei ed a Torgiano, in Umbria, tornano ad accogliere il pubblico sia il Museo del Vino (MUVIT) sia il Museo dell’Olivo e dell’Olio (MOO). Le attività di queste due istituzioni culturali curate dalla Fondazione Lungarotti riprenderanno da giovedì 6 maggio, nel pieno rispetto delle normative anti-Covid. "Un segnale importante che rimette al centro dell’attenzione la cultura e il connubio tra arte, vino, storia" e tutto quanto ruota intorno alla cultura dell'Olio Evo e del Vino.

Il Museo del Vino (MUVIT) "inaugurato a Torgiano nel 1974 da Maria Grazia Marchetti e Giorgio Lungarotti" vanta una collezione di "oltre tremila manufatti: reperti archeologici, attrezzi e corredi tecnici per la viticoltura e la vinificazione, contenitori vinari in ceramica di età medievale, rinascimentale, barocca e contemporanea, incisioni e disegni dal XV al XX secolo, da Mantegna a Picasso, testi di viticoltura ed enologia, manufatti d’arte orafa, tessuti ed altre testimonianze che documentano l’importanza del vino nell’immaginario collettivo dei popoli che hanno abitato, nel corso dei millenni, il bacino del Mediterraneo e l’Europa continentale".

Il Museo dell’Olivo e dell’Olio di Torgiano (MOO), inaugurato nel 2000 "rappresenta una naturale evoluzione del MUVIT. Ricavato in un antico molino e in un nucleo di abitazioni medievali all’interno delle mura castellane, si articola in undici sale: un percorso affascinante che illustra le caratteristiche botaniche dell’olivo, le cultivar più diffuse in Umbria, le tecniche tradizionali e d’avanguardia di messa a coltura e di estrazione dell’olio, la storia e l’evoluzione delle macchine olearie, ma anche gli usi e le valenze simboliche, propiziatorie e curative attribuite all’oro verde nel corso dei secoli. Di particolare interesse, la sezione archeologica, con il richiamo alle origini mitologiche della pianta, e quelle illustranti gli usi dell’olio, non solo l’alimentare, tra i quali “Olio come luce”, ricca collezione di lucerne a olio dall’età classica alla neo-classica."

 

 

  • Visite: 47
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender