RACCOLTA FONDI per i diritti delle donne in Texas

SALUTE DONNA - Dalla scorsa settimana nello stato del Texas (USA) è entrato in vigore il divieto di aborto dopo la sesta settimana. Secondo la nuova legge l'aborto è proibito quando venga rilevato un battito cardiaco fetale, cosa che spesso avviene prima che una donna sappia di essere incinta. Il Senate Bill 8 (SB8) non prevede eccezioni: né in caso di stupro né in caso di incesto; fa salva tuttavia una generica “esenzione per emergenze mediche”.

LA LEGGE - Il SB8 consente (in realtà incoraggia!) che privati ​​cittadini, ovunque nel Paese, possano «intentare un’azione civile contro chiunque assista una donna che cerchi di abortire in violazione del nuovo divieto». Chiunque venga scoperto/a a prestarle aiuto dopo la sesta settimana (medico, infermiere, autista di Uber, persone che forniscono assistenza finanziaria) potrà essere citato/a in giudizio e nel caso l’estensore dovesse vincere «avrà diritto a ricevere 10mila dollari dall’imputato/a» più il rimborso delle spese legali. Un vero ritorno al modello far west, con tanto di caccia alla donna (e alle sue reti) resa più golosa dall’aspettativa del premio di una taglia… normata per legge! 

L'ASSOCIAZIONE - Lilith Fund, la più longeva in difesa dell'aborto in Texas, che presta anche assistenza finanziaria diretta alle donne (nel 2020, quasi tre quarti dei suoi clienti erano donne di colore, circa il sessanta per cento aveva già figli, la metà non aveva un lavoro retribuito e oltre il quaranta per cento non era assicurata, come segnala la giornalista Jia Tolentino dalle colonne del The New Yorker), sta cercando di raccogliere la cifra di 50mila dollari con il crowdfunding in tempi brevi, per continuare a garantire assistenza finanziaria e supporto emotivo alle donne che in Texas scelgono di abortire. Perché quasi la metà di coloro che lo richiedono, tra l'altro, vivono ben al di sotto della soglia di povertà.

IL SOSTEGNO - Lilith Fund, che lavora anche per promuovere una cultura positiva intorno ai temi dell’aborto, per superare ogni stigma, giudizio o pregiudizio ha bisogno di sostegno: Lift Collective, organizzazione no-profit che si batte per la diversità e l'inclusione nel settore del vino, già nota come Wonder Women of Wine, gestisce la raccolta fondi a favore di Lilith Fund. Per donare, questo il è il link

  • Visite: 44
© 2020 www.power-gender.org
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender